. Satanath Records

Reviews: SODP096

< Обратно к релизу / Back to page

Prepare to enter a strange, mad world of creeping horror and demonic delirium as we premiere a track from the new album Drum-Ghoul by Astarium, a one-man symphonic black metal project from Novosibirsk, Russia. Before offering a few thoughts about this particular song — “Hospitality of Demon” –I’d like to share a few words by Astarium that shed light on the tale told through the album:

 

“Lightning lit up the sky, covered with low clouds, the rain did not cease for a minute. I drove the horses drowning in the mud to the hill that was visible in the distance. Suddenly, a new bright flash lit up the bulk, which grew right in front of me from the darkness. It was the castle ‘Drum-Ghoul‘!

 

“The gray, dilapidated walls and ivy towers spoke of their age. On all lay the seal of despondency and desolation. The locals were afraid to approach the castle to the horror and avoided it. However, I abandoned all prejudices and, trying to escape the anger of the elements, I already knocked at the gate. Suddenly the doors opened. Then I did not even suspect that I was entering the gates of hell…”

 

And so we come to “Hospitality of Demon“, a song that is a metamorphosis, one that begins sparely in a mid-paced rhythm and builds to a torrent of powerful sound. The thread that connects the changes is a spectral, folk-tinged keyboard melody that courses through the minutes, a chilling tune but one lit by an otherworldly gleam, as if tinged with phosphorus.

 

At the outset, that melody is accompanied by a pulsing bass rhythm and an even more spectral and sinister surrounding of ambient tones and a voice barking unidentifiable words. The drums come in, along with a layering of abrasive riffing, and the song begins to canter, the energy building to head-moving levels, swinging and swirling in a mad carnival dance.

 

And then the song erupts in a gale of blasting drums, hail-storming guitar, vicious barbed-wire growls, and grotesque croaking utterances. The song draws you in, picks you up, and spirits you away….

 

http://www.nocleansinging.com/2017/05/27/an-ncs-premiere-astarium-hospitality-of-demon/

Il progetto Astarium è una one-man-band russa di Novosibirsk, creato nel 2005 dal polistrumentista Sin,  che nonostante la sua giovane età ha già all’attivo numerose demo e split aldilà dei 6 full-length ufficiali. Il genere è un Symphonic Black molto sperimentale, dove spesso possiamo trovare numerose altre influenze come Doom, Atmospheric Black, elementi di Groove e di Dark Ambient,ecc. Infatti nell’ultimo album proposto dagli Astarium, intitolato “Drum-Ghoul” troviamo uno stile molto strano, che oscilla tra un Atmospheric Black con chitarre Raw in stile Darktrhrone ed un Doom sperimentale, molto melodico e strano, in stile Nocturnum Tenebris, ed una specie di Funeral Doom molto secco e cupo in stile Until Death Overtakes Me. In confronto ai lavori precedenti, questo delude un po’ per via della produzione (molto grezza) nonchè della composizione, la quale non riesce a sorprendere, in quanto sembra molto monotona ed a momenti noiosa, persino parecchio prevedibile. Nonostante tutto ciò Sin riesce ad esprimere molto bene i suoi sentimenti, le sue sensazioni, in quanto in ognuna delle 4 tracce riusciamo a percepire tutta l’agonia e l’oscurità in cui viaggia l’esistenza astrale di Sin. Ciascun brano rappresenta un simbolo, un stato d’animo di quest’artista incompreso, è un modo di esteriorizzare ciò che vive e ciò che affligge la sua anima nera e triste. Forse quel suono grezzo è stato usato proprio per accentuare questi sentimenti ed emozioni oscuri, a discapito di tutto il resto. Scelta discutibile, in quanto il pubblico potrebbe non gradire questo tipo di trasgressioni musicali. In primis, si dovrebbe prestare attenzione al livello della composizione, perche i pezzi troppo lunghi e monotoni spesso possono irritare il pubblico e spingerlo a non proseguire nell’ascolto. I sentimenti e le sensazioni possono essere trasmesse anche in maniera più elegante, curando di più gli aspetti tecnici dell’album, in modo da dare qualità e un senso profondo allo stesso tempo. Ad esempio, la batteria sembra troppo “sintetica” e conferisce un feeling di una batteria fatta con un software usato nella pre-produzione, insomma è come un disegno dalla sagoma anche ben visibile, ma mancante di profondità. Il basso e le chitare hanno un suono troppo grezzo, in stile Darkthrone o Celtic Frost (e vorrei ricordare che non siamo più negli anni ’90). Ci vorrebbe più profondità nel suono, più “grasso che cola” altrimenti durante l’ascolto si avrà la percezione di uno stereo che ha solo una cassa funzionante. Si salva soltanto la terza traccia, dalle sonorità decisamente Funeral Doom e in cui si riesce a percepire un po’ più di poliedricità, in quanto viene usato un assetto ed un’accordatura più bassa. Lo scream è particolare , come anche la sua metrica e spesso è proprio questo a spezzare la monotonia delle tracce. Carini gli effetti di tastiera e synth, forse introdotti in maniera meno ripetitiva darebbero più consistenza alle tracce, specialmente l’effetto organo “ecclesiastico”. Nota di merito anche per gli effetti ambient. Il lavoro raggiunge di certo la sufficienza, ma è questo ciò a cui aspira l’artista?

In conclusione, quest’album si può considerare come un esperimento introverso di questo spirito incompreso chiamato Sin, ed in attesa di nuove notizie non ci resta che cercare di scoprire l’uscita dal labirinto di Astarium cercando di guardare oltre, nel profondo di un spirito triste e molto combattuto, incatenato forse alle sue paure e follie più nascoste.

 

https://www.insane-voices-labirynth.it/satanath-records/recensioni/astarium/

 

 

Russia's  solo  project  Astarium  have  returned  with  a  new  recording  that continues  his  symphonic  style  of  occult  black  metal from  previous  releases  and  this  is  a  review  of  his  2017  album  "Drum-Ghoul"  which  was  released  as  a  joint  effort  between  Symbol Of  Domination  and  More  Hate  Productions.

 

  Soundscapes  and  field  recordings  start  off  the  album  along  with  some  melodic  guitar  leads  and  symphonic  sounding  synths  a  few  seconds  later  which  also  mixes  in  elements  of  ambient  and  after  a  few  minutes  heavy  guitar  riffs  and  drum  beats  are  added  onto  the  recording  along  with  some  grim  black  metal vocals.

 

  All  of  the  musical  instruments  on  the  recording  have  a  very  powerful sound  to  them  while  all  of  the  tracks  are  very  long  and  epic  in  length  and  the  riffs  also  utilize  a  great  amount  of  melody  and  when  the  music  speeds  up  a  decent  amount  of  blast  beats  can  be  heard  and  the  songs  also  bring  in  a  great  mixture  of  slow,  mid  paced  and  fast  parts  and  when  tremolo picking  is  utilized  it  also  gives  the  music  more  of  a  raw  feeling.

 

  Astarium  creates  another  recording  that  remains  true  to  his  symphonic  and  ambient  style  of  occult  black  metal  from  previous  releases,  the  production  sounds  very  professional  while  the  lyrics  cover  Darkness,  Eternity,  Death  and  Occultism  themes.

 

  In  my  opinion  this  is  another  great  sounding  recording  from  Astarium  and  if  you  are  a  fan  of  symphonic,  ambient  and  occult  black  metal,  you  should  check  out  this  album.

 

http://occultblackmetalzine.blogspot.ru/2017/07/astariumdrum-ghoulsymbol-of-domination.html

 

 

Wind and weather start off the latest album from the super prolific Russian symphonic black metal one man project Astarium. Soon, a bizarre guitar line, almost synthetic, starts grinding away. From there on the music is built through programmed drums, harsh guitars, mourning synthesizers and – of course – guttural black metal vocals. There are four tracks, each very long and even more epic.

 

Drum-Ghoul may be symphonic, but it is also dirty and raw. The production is decent enough, but has not been perpetrated with the intention of creating a slick, commercially viable product. The fuzz of the guitars and the stomping of the drum machine has a strong 90’s demo vibe, the organs and other synths are stacked upon each other in an efficient but far from over-produced way. The heavy use of sampled sounds and noises adds a primitively cinematic quality to the album. The tempo shifts – usually it remains on the slow side, while there are occasional faster outbursts and more than a few mid-paced segments. The gargling vox is complemented by deeper, spoken parts.

 

Each of the four tracks have a character of its own. The more than 16 minutes long opener “Hill of Scape-Gallows” is epic and dramatic, “Dread Asylum” has a kind of gothic horror vibe calling Hammer Films to mind, “Hospitality of Demon” combines these elements and sounds into something resembling early (really early) Cradle of Filth. The same could be said for “Pernicious Elixir”, but there’s also some other force at work as this slow, heavy piece closes out the album.

 

Drum-Ghoul is a great piece of obscure music, if you’re into 90’s style black metal with a hefty dose of synthesizers, sound effects and murky darkness. And of course, everyone is.

 

http://archaictriad.com/2017/07/26/astarium-drum-ghoul/

 

Este projeto russo de Black Metal “sinfônico” lança o se mais recente trabalho “Drum-Ghoul”, o sexto da carreira, e já divide opiniões a respeito. Haverão aqueles que dirão ser um trabalho “complexo e beirando o progressivo” e outros (vulgo, EU) que apenas mencionarão ser “uma saraivada incessante e muito cansativa de teclados”. Seria uma coisa boa ?! Talvez.

 

Explicando melhor: Trata-se de um trabalho pouco direcionado para o Metal em si e com muita ênfase em criar uma atmosfera macabra e sardônica, típica de um Nox Arcana. No entanto, acrescenta-se apenas os vocais “maléficos” para se dar um toque mais underground para o projeto.

 

Confesso que alguns trechos até são legais sim, embora o álbum só possua 4 faixas, mas em sua grande parte torna-se, de certo modo, maçante e nos passa a sensação de estarmos perdendo tempo escutando aquilo. Mesmo assim, aos que escutarão até o final, podem se arriscar e gostarem bastante, apesar de ser uma obra “simples porém complexa”.

 

Recomendado para todos aqueles que apreciam um trabalho synth com trejeitos extremos. Escutem com cautela !

 

http://metalnalata.com.br/site/astarium-drum-ghoul-2017/

 

 

Le melodie di SiN sono piacevoli. È un musicista capace di comporre musica evocativa. Atmosfere, melodie, sono epiche e non imponenti, posseggono una lieve grazia. In tal modo il black metal di Astarium si tinge di tratti sinfonici, quanto di scorci atmosferici e dark. Al contempo però i suoni sono il punto debole del tutto. Le tastiere nella maggior parte dei casi sono troppo esili, eccessivamente di plastica. Le distorsioni delle chitarre non sono rocciose e hanno una fattezza digitale. Detto questo, non si vuole condannare SiN per i mezzi a sua disposizione. Astarium è una one man band che non nasce nelle grandi produzioni. SiN vive in una zona remota della Siberia, nella parte sud di essa, a Novosibirsk. Ha pubblicato tante cose, alcune recensite QUI e QUI, e “Drum-Ghoul” rappresenta l’ultimo album. Un’atmosfera gotica, a tratti dark e dai toni orridi, avvolge il black metal che poggia su distese di tastiere. Batteria artificiale, eccessivamente sepolta dagli altri strumenti. SiN ha sviluppato i testi e lo stesso timbro musicale, sulla novella “The Slitherer from the Slime” di Lin Carter e Dave Foley. “Hill of Scape-Gallows” apre con oltre sedici minuti l’album, chiuso dai dodici di “Pernicious Elixir”. Tra i due pezzi “Dead Asylium” e “Hospitality of Demon”, comunque due composizioni affatto brevi. L’opener vede il concatenarsi delle idee e stili di SiN. Una sorta di marchio di fabbrica. La varietà contraddistingue comunque l’album, mentre “Hospitality of Demon” rappresenta la composizione più convincente delle quattro. Semplicità, un buon arrangiamento e le atmosfere lugubri creano la giusta atmosfera. Andante, lenta malinconica, la conclusiva “Pernicious Elixir” è un esempio di symphonic black doom metal. Pur con i già citati limiti della produzione, Astarium con “Drum-Ghoul” conferma i suoi aspetti migliori, il proprio modo di fare. Viene difficile dare una valutazione serena all’album, perché presenta delle buone cose e mentre altre sono evidentemente condizionate da fattori esterni alla musica.

 

http://www.metalhead.it/?p=113037

 

 

 

A one man band can have plan if it is helmed by a man with a plan.  But no plan survives first contact with the project, so how does Astarium fare? Let’s survey.

 

I have a natural wariness when it comes to one man bands.  Not that they can’t be good, it is just that I often find that one man’s vision is extremely constricted and so elements that would otherwise form a coherent whole often sound streamlined.  This isn’t quite the case with Astarium, the project helmed by a fellow who calls himself SiN.  Drum-Ghoul is the project’s fifth and newest release, and my introduction.  So I will be viewing this album as a stand-alone.

 

At it’s heart, Drum-Ghoul is black metal with symphonic (read: lots of keyboards) leanings.  This means, in a nutshell: lots of keyboards set to black metal riffs (tremolo picking aplenty) to competent drums (blast beats and gallops.) This is all backed up by vocals, which are the weakest point of this album, as they are not especially good and can take away from the music rather than add to it.  Apart from two solos, there aren’t many surprises and the focus is on the keyboards and the atmosphere rather than technical competence or production.

 

There is definitely a story in Drum-Ghoul, possibly having to do with necromancy and digging up bodies to test that out on, to disastrous results (Pernicious Elixir does give a clue as to what’s going on.) The vocals being tad unclear take away from this, but the atmosphere built up into songs give you a cavernous, walled-in, portend-of-doom experience with all the neat trimmings.  The atmospheric qualities of the music are built by two things: one, the keyboards and the sound effects that often accompany songs (the water dripping and the plucks in Pernicious Elixir, the backyard-disinterment in Dread Asylum…) Two, repetition.  The songs on Drum-Ghoul are built with stellar flow, and so the songwriting is excellent, all courtesy of a less-is-more approach: better to have few riffs and have them hit the mark than a thousand riffs that miss, and this shows clearly.  Hell, Dread Asylum is basically the same song twice, separated by a storyline bridge drowned in church organ.

 

That is not to say that there isn’t some very competent playing on Drum-Ghoul.  Hell, the intro riff of Hospitality of Demon is simply to die for, and that it lasts for two minutes, it gives you a good taste of how Astarium can be showy and magnificent when it wants to be with the guitar work.  That said, the album is largely keyboard-driven, and guitars often just accompany them to make sure the foundations are intact.  Sampled harps, string sections, plucks, xylophone and various assortments lead the charge.  There are moments like the off-kilter solo of Hill of Scape-Gallows or the lead licks in Hospitality of Demon that shifts this around, but on a whole, this balance doesn’t shift.  Not that it should, as it works well.

 

So far so good.

 

The production, however, is a bit of a mixed bag.  The keyboards and the guitars come through, the focal point being keyboards rather than guitars, and really bring forth the symphonic elements.  The drums, however, are very poorly mixed in, and there are moments, like the latter part of Hospitality of Demon, where the drums are so far in the background that they are barely heard at all.  When this is coupled with the bad side of vocals, it sort of downgrades the overall production.  Otherwise, while lo-fi, the album shines where it’s meant to and so this can become a minor issue.

 

Astarium offers a therapeutic experience, leading with masterful flow and a penchant for repetition and managing to hold long compositions together with enough finesse to make some bands jealous.  If the mix was a bit better, then it would have gotten to a higher place, but even as it stands, Drum-Ghoul is a very immersive, relaxing experience.  Recommended.

 

http://tempelores.com/?p=18760

 

 

Ho avuto occasione nelle scorse settimane di parlare della one man band siberiana Astarium, prima con l’ep Epoch Of Tyrants e poi con lo split assieme a Burnt e Scolopendra Cingulata.

 

Vista l’iperproduttivita di SiN, l’uomo che sta dietro a tutto questo, per evitare di esser nuovamente sorpassato dall’attualità mi precipito a scrivere due righe anche su quello che, per ora, sembra essere l’ultimo parto dell’instancabile musicista di Novosibirsk, il full length Drum-Ghoul.

Se nelle precedenti occasioni avevo apprezzato la genuinità dell’operato da parte del nostro, ritenendo nel contempo un po’ troppo scolastico il risultato dal punto di vista prettamente musicale, devo dire che quelli che nella precedente occasione mi apparivano come insanabili difetti, questa volta acquisiscono una loro funzione essenziale.

La chiave di volta è il suono delle tastiere, che in un ambito dichiaratamente orrorifico come quello di Drum-Ghoul, con il loro timbro minimale, a tratti vicino a quello delle mitiche tastierine Bontempi (i miei connazionali meno giovani capiranno di cosa sto parlando), si rivelano più funzionali alla creazione di un’atmosfera profondamente malata e nel contempo surreale.

La lunghissima opener Hill Of Scape-Gallows (oltre un quarto d’ora di durata) funge da prova del nove per l’ascoltatore: chi riesce ad arrivare senza fatica alla sua fine, da qual momento in poi potrà godersi un lavoro strambo quanto si vuole, ma decisamente affascinante; la voce continua ad essere uno screaming piuttosto piatto alternato ad un growl effettato ma, tutto sommato, contribuisce a creare quell’alone straniante che ha comunque nel suono della tastiere il suo principale artefice.

Dread Asylum è piuttosto gobliniana nel suo snodarsi melodico, e in fondo pensare a quest’album come un’ipotetica soundtrack di un film horror è un’ipotesi tutt’altro che peregrina, mentre Hospitality Of Demon si snoda in maniera più canonica mantenendo comunque le caratteristiche sonore delle altre tracce, con Pernicious Elixir a chiudere le macabre danze con il suo reiterato giro di tastiera, preludio di un finale che si stempera con uno pseudo-violino.

La perfezione sta altrove, ma qui non si può fare a meno di apprezzare la voglia di creare qualcosa di differente, soprattutto con scelte che possono anche apparire discutibili ma che, alla fine, rendono il tutto personale ed intrigante, specie se applicate come in questo caso a sonorità più orrorifiche che sinfoniche.

SiN è portatore di una concezione della musica lontana diversi anni luce lontana da qualsiasi parvenza di commercialità, e solo anche per questo si merita un certo credito, al di là di tutte le altre considerazioni.

 

http://metaleyes.iyezine.com/astarium-drum-ghoul/